• Dott. Paolo Del Gallo

    Oculista e Chirurgia Estetica
  • Onestà e Professionalità

  • La prevenzione è importante

  • Diagnostica OTC di nuova generazione ad altissima risoluzione

  • Novità: studio dello strato delle cellule gaglionari

prev next

Crosslinking

Il crosslinking (X-linking o CXL) della cornea è un nuovo approccio per aumentare la stabilità meccanica e biochimica del tessuto corneale. Lo scopo di questo trattamento è di creare dei legami chimici addizionali all’interno dello stroma corneale per mezzo della fotopolimerizzazione, dopo aver intriso la cornea con un fotomediatore (la riboflavina o vitamina B2) e con il successivo uso di una radiazione UVA .

Park ed altri hanno trovato che lo stroma corneale anteriore è il 25% più rigido di quello posteriore.  Lo stress nei 200 micron anteriori di una cornea normale è due volte maggiore di quello della parte posteriore. Andreassen ed altri hanno dimostrato che lo stress di una cornea normale è 1,5 volte più alto di quello di una cornea con cheratocono. Così si rivela sensato cercare di irrigidire la parte anteriore di una cornea con cheratocono con il crosslinking. Misurazioni biomeccaniche hanno dimostrato un aumento della rigidità corneale del 328,9% nelle coree umane dopo il crosslinking. 

INDICAZIONI

 -Cheratocono (con assenza di cicatrici centrali)

-Degenerazione marginale pellucida

-Ectasia corneale iatrogena dopo chirurgia refrattiva.

CONTROINDICAZIONI

 -Spessore corneale inferiore a 400 micron

-Diabete

-Gravidanza

STABILITA’ DEL CHERATOCONO DOPO CROSSLINKING

I risultati dello studio clinico di Dresda dopo 3 e 5 anni hanno dimostrato in tutti i 60 occhi trattati che la progressione del cheratocono era quanto meno arrestata (“freezing”). In 31 occhi si osservava anche un leggero miglioramento ed appiattimento del cheratocono fino a 2,87 diottrie, così come migliorava l’acuità visiva corretta al meglio con lenti di 1,5 linee. 

image001image002

image003image004

 

 

 

 

 

 

 

 

TEMPI DI RECUPERO

Con la tecnica di CXL transepiteliale (o epi-on), la maggior parte delle persone può tornare alle proprie normali attività il giorno successivo. Con la tecnica di CXL tradizionale (o epi off), la maggior parte delle persone possono farlo dopo 5-8 giorni.

Quando potrò riprendere le lenti a contatto dopo CXL?

Questo dipenderà dal tipo di procedura CXLeseguita e da quanto velocemente l’occhio trattato guarisce. Con la CXL transepiteliale (o epi-on), in genere si può cominciare a portare le lenti a contatto correttive dopo un paio di giorni fino ad una settimana. Con la CXL tradizionale (epi-off, più invasiva), la maggior parte dei pazienti può tornare ad indossare le lenti a contatto da 2 a 6 settimane dopo la procedura. 

 Quando potrò notare un miglioramento nella mia visione dopo CXL?

In generale, con il CXL, miglioramento visivo è un processo lungo. Con la tecnica meno invasiva, CXL transepiteliale, alcuni pazienti hanno trovato un lieve miglioramento della visione fin da alcune settimane dopo il trattamento. Con la procedura tradizionale (più invasiva epi-off), la maggior parte dei pazienti trova che, immediatamente dopo il trattamento di cross linking, la loro visione è in realtà peggiore di quanto non fosse prima della procedura. Questo peggioramento di solito si osserva per circa 3-6 settimane. I pazienti possono iniziare a notare gli effetti positivi 4-8 settimane dopo la procedura e sperimentare un miglioramento importante nella visione dopo almeno 3-6 mesi dopo la procedura. 

Risultati a lungo termine

Il miglioramento della forma della cornea e la visione possono continuare per molti anni, ed alcuni pazienti notano un ulteriore miglioramento della loro qualità di visione anche da 2 a 4 anni dopo il trattamento. 

image005image006image007image008image009image010image011image012

Altro in questa categoria: LASIK »