• Dott. Paolo Del Gallo

    Oculista e Chirurgia Estetica
  • Onestà e Professionalità

  • La prevenzione è importante

  • Diagnostica OTC di nuova generazione ad altissima risoluzione

  • Novità: studio dello strato delle cellule gaglionari

prev next

Retinopatia Diabetica

Il diabete e l'occhio

Il diabete è una malattia molto comune nei Paesi Occidentali ed è la principale causa di cecità negli adulti di età inferiore ai 65 anni. Più della metà di tutte le persone che vivono con il diabete non esegue le visite specialistiche oculistiche annuali raccomandate. Potrebbe, così, essere evitata una gran parte dei casi dei pazienti affetti da grave perdita della visione a causa del diabete. Spesso non ci sono segnali di pericolo nelle fasi iniziali di malattia oculare diabetica, ma con cure adeguate e un esame annuale degli occhi dilatati la maggior parte dei pazienti può conservare una visione normale.Il trattamento non cura la retinopatia diabetica, ma è efficace nel prevenire l'ulteriore perdita della vista.

In generale, ci sono cinque principali complicazioni  potenziali legate al diabete. Sono le lesioni renali, la neuropatia periferica, le infezioni, un tasso accelerato di arteriosclerosi e la retinopatia diabetica. Questa breve panoramica illustrerà la retinopatia diabetica e spiegherà il suo trattamento.

La retinopatia diabetica può interessare sia i pazienti con il di tipo 1 o IDDM (ad esordio giovanile) che quelli con diabete di tipo 2 o NIDDM (ad insorgenza in età adulta). I soggetti diabetici più giovani, in genere, non presentano i segni della retinopatia diabetica nei primi cinque anni dall’esordio della malattia. Gli adulti, invece, possono mostrare i segni della retinopatia in qualsiasi momento dopo che la diagnosi è stata fatta.

La retinopatia diabetica è una malattia dei vasi sanguigni che si trovano in  quel tessuto delicato chiamato retina. Questi vasi sviluppano un danno tale che iniziano a perdere del liquido e del sangue e non riescono più a svolgere la loro funzione di apporto delle sostanze nutritive necessarie alla vitalità delle cellule retiniche.

Possiamo classificare la retinopatia diabetica in due forme: quella non proliferante (NPDR) e retinopatia diabetica proliferante (PDR). La forma NPDR si presenta con emorragie e piccole dilatazioni nelle pareti dei vasi (i microaneurismi). La forma PDR è composta oltre che dalle stesse lesioni della forma NPDR, dalla crescita di nuovi vasi sanguigni. Questi nuovi vasi hanno caratteristiche anormale e saranno causa di perdite di fluidi e sangue se non trattati. Circa il 40% di tutti i diabetici svilupperà nel giro di dieci anni una PDR.

La causa più comune di riduzione della vista nei pazienti diabetici è lo sviluppo della NPDR con un rigonfiamento della retina per una continua perdita di liquidi dai vasi sanguigni. Questo quadro clinico è molto difficile da trattare con la terapia medica, ma con delle applicazioni focali di impulsi argon laser per sigillare questi punti di perdita, è possibile conservare una buona acuità visiva. 

Anche la forma PDR costituisce una seria minaccia per la visione.  A volte grandi emorragie, dovute alla rottura dei neovasi così fragili, sono la causa di una grave riduzione della visione che può durare anche per mesi. Questi nuovi vasi anomali devono essere trattati con la terapia laser. Possono verificarsi anche distacchi di retina a causa della trazione creato dalla contrazione delle strutture fibrovascolari che si vengono a formare in queste situazioni.

Altri fattori possono contribuire alla progressione della retinopatia diabetica. Questi comprendono la pressione arteriosa alta, livelli elevati di zucchero, colesterolo e trigliceridi nel sangue. Ciascuno di questi fattori deve essere controllato per assistere nel trattamento della retinopatia. Esami periodici sono fondamentali per la diagnosi precoce e per la terapia. Ora possiamo offrire ai diabetici molto più che in passato in termini di diagnostica precoce e di terapia medica e chirurgica.  Ovviamente si richiede un’ attenta collaborazione da parte del paziente perché il diabete è una malattia che non perdona perché può evolvere silenziosamente per poi manifestarsi con tutta la sua violenza.

Vivere con il diabete.
Dopo la diagnosi: La diagnosi di diabete può essere spaventosa per molte persone. Se si ha una familiarità per il diabete, si può già essere al corrente delle possibili complicanze gravi di questa malattia, come problemi agli occhi, insufficienza renale, malattie cardiache e amputazioni. Le complicanze del diabete possono essere ritardate o addirittura prevenute avendo cura di se stessi. 

Seguono alcune informazioni che possono essere utili.

Conoscenze di base
Esistono 4 tipi fondamentali di diabete:

Il diabete di tipo 1 che si verifica quando si ha poca insulina. Il pancreas cessa di produrla. Questo accade di solito durante l'infanzia o la giovane età adulta. La causa non è ancora ben compresa. Può essere dovuta ad una lesione o ad una malattia virale che colpisce il pancreas. Potrebbe anche essere causato da una malattia autoimmune (dove il corpo attacca una parte di se stesso). Il diabete di tipo 1 necessita come terapia quella di assumere l'insulina per il resto della vita.

Il diabete di tipo 2 si verifica quando si diventa incapace di utilizzare l'insulina. Ci sono molti fattori che aumentano al massimo il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2:  la razza, la storia familiare, troppo poca attività fisica, sovrappeso e una dieta ad alto contenuto calorico.

Una donna che inizia ad avere la glicemia alta durante la gravidanza ha quello che si chiama diabete gestazionale . La diagnosi ed il trattamento di questo tipo di diabete è molto importante. Non solo la madre ha problemi di glicemia alta, ma il bambino potrà avere problemi, come la prematurità.

Prediabete è un nuovo termine usato per quelle persone il cui sangue ha una glicemia superiore al normale, ma non ancora abbastanza alta da far definire questa condizione come  diabete. Le persone che hanno pre-diabete sono ad alto rischio di sviluppare il diabete vero e proprio se non si danno da fare per ridurre il loro rischio, come ad esempio imparare a mangiare sano e aumentare la propria attività fisica.

Tutti questi tipi di diabete hanno una cosa in comune, che è il livello di zucchero nel sangue troppo alto se non trattata.

Effetti della glicemia alta
Avere la glicemia alta nel tempo danneggia i vasi sanguigni. Questo danno si verifica in tutto il corpo, ma alcuni organi sono più sensibili ai cambiamenti dei vasi sanguigni. Gli organi più frequentemente colpiti sono gli occhi, il cuore, i reni e i vasi sanguigni delle gambe e dei piedi. Anche i vasi sanguigni del cervello sono danneggiati, il che rende più probabile che le persone con il diabete possano sviluppare un ictus.

Vivere Bene
La parte più importante delconvivere bene con il diabete sta nel controllo della glicemia. Le persone che mantengono la loro glicemia nei valori normale possono ritardare o prevenire le complicanze del diabete.

I passi per controllare il livello di zucchero nel sangue sono:

  • Imparare a mangiare sano.
  • Fare abbastanza esercizio fisico.
  • Preoccuparsi della propria glicemia.
  • Assumere i farmaci regolarmente.
  • Fare i controlli specialistici secondo le raccomandazioni dei medici.

Il secondo punto da tener presente è quello di  mantenere la pressione sanguigna nella norma. Come la glicemia alta, l’ipertensione danneggia i vasi sanguigni. I danni agli organi possono essere molto più veloci quando questi due elementi lavorano insieme. Una persona con il diabete e la pressione alta è ad alto rischio di attacco di cuore, ictus, danni agli occhi e insufficienza renale. Il modo migliore per controllare la pressione sanguigna è molto simile a quello per controllare il livello di zucchero nel sangue.

  • Annotare i valori della propria pressione sanguigna misurata sia a casa che presso la struttura sanitaria di riferimento.
  • Limitare il sale nella propria dieta.
  • Fare esercizio fisico come consigliato dal proprio medico.
  • Assumere regolarmente i farmaci prescritti per la pressione arteriosa.
  • Fare le visite di controllo per monitorare la pressione sanguigna come consigliato dal proprio medico.

La terza raccomaandazione per stare bene è quello di cercare di prevenire le infezioni. Le persone che hanno il diabete sono più suscettibili alle infezioni. Qui ci sono alcune regole che si possono seguire per rimanere in buona salute.

  • Controllare la propria pelle, soprattutto quella dei piedi (sia del dorso che del piatto del piede), tutti i giorni se si è affetti da eventuali ferite, vesciche, o altre lesioni. Segnalare eventuali problemi al vostro medico per un trattamento immediato.
  • Mantenete la glicemia nella norma (batteri e funghi, che possono causare infezioni, prosperano con alti livelli di zuccheri).

Infine, una raccomandazione importante per vivere bene è quella di evitare lo stress il più possibile. Eventi stressanti influenzano i livelli degli ormoni del corpo. Un ormone in particolare, il cortisolo, fa aumentare la glicemia. Lo stress causa anche un aumento della pressione sanguigna.  Si può controllare lo stress in molti modi, come con l'esercizio fisico e stretti legami familiari. 

image001

Trattamento Disponibile
La retinopatia diabetica può essere trattata con:

  • La laser terapia
  • Iniezioni intravitreali di farmaci
  • Trattamento chirurgico sia di cerchiaggio ab esterno che di vitrectomia ab interno con tamponamento della retina distaccata con olio di silicone